Carattere   solo testo   |   alta visibilità
 

 
Sei in: Home » progetti comunali » modifiche allo statuto comunale » nuovo statuto comunale, iniziato il confronto pubblico

Progetti comunali

14 Giugno 2008

Nuovo Statuto comunale, iniziato il confronto pubblico

Si è tenuto ieri mattina presso il teatrino comunale il primo incontro pubblico convocato dal presidente del consiglio comunale Giuseppe Schiboni per discutere le modifiche da apportare allo Statuto comunale di San Felice Circeo.
Ampia la partecipazione delle forze politiche e delle associazioni invitate a partecipare alla riunione. Erano presenti i rappresentanti di An e del Prc, delle associazioni "Vear-Italpesca", "Cocis", "Ascom" "La Voce delle Donne", "Il Centro Storico", "La Casa del Cittadino", "Apd Santa Maria degli Angeli", "Il Collezionista", e il Centro anziani di La Cona.

Nel corso dell'incontro sono state avanzate alcune proposte al testo attualmente in vigore che è stato modificato in alcune parti dalla Conferenza dei Capigruppo per adeguarlo alle normative vigenti.
Ad illustrare la bozza del nuovo testo il presidente Giuseppe Schiboni, l'assessore e capogruppo della "Lista Schiboni" Monia Di Cosimo e il consigliere Michele D'Auria. Tra le altre proposte, quella del presidente del Centro anziani di La Cona Giuseppe Di Prospero di prevedere nello Statuto l'introduzione del Senato degli anziani, un organismo simile a quello del Consiglio dei ragazzi. Il presidente dell'associazione "Centro storico" Alessandro Cresti, invece, ha chiesto l'introduzione di un Regolamento per la partecipazione.


Il dibattito si è incentrato poi sulla proposta di soppressione della parte del comma 3 dell'articolo 10 dove si prevede che le presidenze delle commissioni consiliari di 'Bilancio e contabilità' e 'Urbanistica e Lavori pubblici' siano assegnate ai consiglieri espressione delle minoranze. L'assessore Monia Di Cosimo ha spiegato che si è ritenuto opportuno intervenire in questo senso perché in passato si è verificato spesso che i presidenti di queste commissioni non hanno provveduto a convocare per tempo le stesse commissioni ostacolando così l'attività dell'amministrazione comunale. Allo scopo di tutelare il compito di garanzia e di controllo delle opposizioni, è stata comunque inserita, sempre all'articolo 10, l'istituzione di una Commissione per la Trasparenza come forma di garanzia e partecipazione delle minoranze, attribuendo la presidenza alle stesse minoranze.

Il presidente del Centro storico Cresti ha chiesto di non sopprimere il comma che prevede di assegnare la presidenza delle commissioni alla minoranza sostenendo che in questo modo verrebbe svuotato il ruolo di controllo delle opposizioni. Dello stesso avviso il segretario del Prc Franco Domenichelli: "E' giusto – ha detto - che l'amministrazione si cauteli dalle forme ostruzionistiche dell'opposizione, ma ritengo inopportuno dare un segnale di rottura in un momento in cui c'è un rispetto reciproco dei propri ruoli tra maggioranza e minoranza".

Altra modifica, inserita all'articolo 33, riguarda la possibilità da parte del Comune di "proporsi come "Comune capofila" o come "Comune partecipe degli ATO" che coinvolgono il territorio comunale, dando vita, per la gestione dei corrispondenti servizi, alle forme di cooperazione intercomunali, anche struttuali ed innovative, ritenute ammissibili dalla normativa regionale di riferimento". La discussione si è conclusa con l'esame dei primi 40 articoli dello Statuto. Per i successivi sarà necessario un ulteriore incontro che è stato fissato per venerdì 20 giugno alle ore 10:00 presso il Teatrino di Piazza Lanzuisi.

San Felice Circeo, 14 giugno 2008





 

Fine dei contenuti della pagina